• Veicoli
  • Tecnologia
  • Service
  • Ricambi
  • Il mondo BeachTech

2018

Kässbohrer Geländefahrzeug AG avvia una cooperazione decisiva con aziende svizzere guardando al futuro. I partner di cooperazione Geocloud AG / Schlieren, Weisse Arena Bergbahnen AG / Laax, Grünenfelder e Partner AG / Domat/Ems sviluppano un prodotto, SNOWsat Analytics, che, in poche parole, gestisce il flusso di informazioni e di dati nei comprensori sciistici, offrendo un vero e proprio vantaggio concorrenziale.
A partire dal 1.4.2018 la Kässbohrer Geländefahrzeug AG rileva le attività dell'azienda KK Composites GmbH con sede a Micheldorf, Austria. La società è specializzata in materiali compositi fibrorinforzati. Con l'acquisizione di un fornitore la Kässbohrer Geländefahrzeug AG realizza la classica internalizzazione (insourcing) di componenti. La strategia mira a ridurre la sua dipendenza dai fornitori. Il livello di integrazione verticale verrà ampliato di circa il 10 %.

2017

Kässbohrer Geländefahrzeug AG ha operato un'espansione della gamma di prodotti nel settore BeachTech, rilevando la società americana Cherrington Inc.

2016

Con la PRO ACADEMY la Kässbohrer Geländefahrzeug AG ha concepito un modello di addestramento e formazione multimarca ad una gestione delle piste efficiente in chiave economica e a risparmio...

2014

L'affiliata americana di Kässbohrer Geländefahrzeug AG acquista Soft Track Supply, Inc. che dal 1989 produce veicoli fuoristrada e trattori a ridotta pressione specifica sul terreno.
20.000 PistenBully - Quale motivo migliore per brindare?

2011

BeachTech festeggia il suo 20° anniversario!

L'ideazione dei mezzi pulispiaggia BeachTech ha dato vita ad un piccolo e raffinato settore produttivo di Kässbohrer Geländefahrzeug AG che negli ultimi 20 anni si è fortemente sviluppato, diventando il numero uno a livello mondiale sul mercato della pulizia meccanica delle spiagge.

Agli inizi degli anni novanta un gruppo di progettisti esperti e creativi ha sviluppato un pulispiaggia con un sistema innovativo, in grado di adattarsi specificatamente ai più diversi tipi e condizioni di spiaggia, cioè il sistema brevettato di tecnica di rastrellamento, setacciamento e mista. Dopo intense sperimentazioni e modifiche, già nel 1991 si registrarono i primi successi di vendita, poiché il nuovo sistema di pulizia apriva nuove prospettive in un mercato fino a quel momento di impronta regionale, dove operavano mezzi agricoli.

Sempre un passo più avanti.
Negli anni successivi, mediante innovazioni tecniche e l'introduzione di nuovi modelli, BeachTech è diventato il parametro di confronto per tutto il settore. Attualmente sono disponibili 5 diversi modelli di veicoli che rispondono a tutte le esigenze relative a dimensioni e condizioni delle spiagge, nonché alle risorse finanziarie e tecniche dei clienti. Nell'arco di pochi anni le vendite si sono moltiplicate. Già nel 1999 i pulispiaggia BeachTech assicuravano vacanze piacevoli e sicure in 35 Paesi del mondo. Oggi sono considerate, a ragione, il numero uno per la pulizia delle spiagge e detengono una quota di mercato mondiale di oltre il 50%.

Impieghi esotici.
Nel frattempo i pulispiaggia BeachTech si sono diffusi in oltre 70 Paesi del mondo. Dall'Irlanda all'India, dalla Corea del Sud al Sudafrica, dalla Norvegia alla Nuova Zelanda, dagli Emirati arabi agli Stati Uniti - ovunque, durante la notte i mezzi BeachTech operano la loro magia, rendendo le spiagge impeccabili. Un crescente numero di mezzi BeachTech, tuttavia, lavora non soltanto sulle spiagge. I veicoli BeachTech puliscono ad esempio anche impianti di depurazione delle acque o preparano di nuovo i campi dopo il raccolto.

Successo nella lotta contro l'inquinamento da petrolio.
A seguito delle catastrofi ambientali, negli ultimi anni BeachTech è diventato involontariamente un esperto in questo campo. Gli interventi di pronto soccorso in 4 grandi disastri petroliferi hanno fornito importanti esperienze. Con alcune modifiche tecniche, BeachTech offre il sistema più efficace che consente di separare quasi completamente dalla sabbia sia macchie di olio morbide, sia grumi di catrame solidi, senza dover asportare mezza spiaggia, come avveniva in passsato.

Ben equipaggiato.
Dai primi interventi sperimentali in Italia, oggi BeachTech è diventato leader del mercato mondiale e l'avanguardia dell'innovazione. Con la sua ampia gamma di prodotti ed una struttura mondiale di vendita ed assistenza unica nel suo campo, il settore dei pulispiaggia di Kässbohrer Geländefahrzeug AG gode di ottima salute.


2010

31 BeachTech 3000, 2800 e 2000 sono all'opera nel Golfo del Messico nell'ambito dell'iniziativa „Beach Cleaning Task Forces“.

Si spostano da un arenile all'altro, man mano che del nuovo petrolio arriva su un tratto di costa. Già sperimentati in occasione di incidenti avvenuti nel passato, come l'avaria della „Prestige“ davanti alle coste dell'Atlantico o nella catastrofe petrolifera sulla Sunshine-Coast australiana, i pulispiaggia BeachTech anche nell'inquinamento prodotto dalla „Deepwater Horizon“ sono in grado di separare quasi completamente sia i residui morbidi di petrolio, sia i grumi solidi di catrame, senza portar via eccessive quantità di sabbia.


2008

Introduzione del BeachTech Sweepy hydro, modello rielaborato di nuova concezione: trazione idrostatica di facile azionamento e sistema di sostituzione rapida degli attrezzi montati per un impiego anche al di fuori della spiaggia. Un pulispiaggia "walk behind" che completa in modo ideale la gamma dei prodotti.


2005

Il BeachTech 2800 di nuova introduzione coniuga i vantaggi del BeachTech 3000 con quelli del BeachTech 2000. Il risultato: un pulispiaggia efficace e redditizio ad un prezzo sostenibile.

2001

Introduzione del semovente BeachTech Marina.

1995

Introduzione sul mercato del BeachTech 2000 - l'alternativa maneggevole e compatta al potente BeachTech 3000.

1994/1998

Divisione e nuovo inizio: il settore dei veicoli fuoristradali viene separato dal Gruppo. Dopo quattro anni di successi segue la quotazione in Borsa.

1991

Con il BeachTech, Kässbohrer dimostra di nuovo tutta la sua capacità di innovazione. La tecnica brevettata di rastrello, di setaccio e mista stabilisce nuovi parametri di riferimento.

1972

I PistenBully vanno alle XI. Olimpiadi Invernali di Sapporo, dove raccolgono lodi e apprezzamenti. Poco dopo anche negli USA si risveglia l'attenzione.

1969

Il primo PistenBully: a dicembre il primo prototipo effettua un percorso di prova - con trazione idrostatica e volante di sterzo. Poco tempo dopo ha inizio la produzione di serie con un motore diesel.

1920-1930

Con la crescente popolarità degli sport invernali, aumentano anche le esigenze per la qualità delle piste. I semplici rulli sono ben presto sostituiti da attrezzi motorizzati.

1924

Sotto i piedi arrivano le assicelle: le prime Olimpiadi invernali a Chamonix inaugurano la moda dello sci. In brevissimo tempo lo sci diventa uno sport diffusissimo.

1922

Dopo la morte del padre, Karl e il fratello Otto assumono l'azienda: Con grande successo: vengono avviate la costruzione di rimorchi e la realizzazione di numerose invenzioni.

1920

Ingegnere per passione: Karl Heinrich Kässbohrer asseconda il desiderio del figlio Karl di intraprendere uno studio di ingegneria meccanica al Politecnico di Stoccarda.

1911

Karl Heinrich Kässbohrer inaugura il servizio di linea autobus tra Ulma a Wiblingen.

1893

Con la fondazione della sua fabbrica di veicoli nel 1893, Karl Heinrich Kässbohrer posa la prima pietra di una storia suggestiva di successi.

Tutto ha inizio con Georg Kässbohrer. Discende da una famiglia di costruttori navali e realizza la "Scatola di Ulma", come viene denominata ironicamente: una specie di imbarcazione monouso per il trasporto di merci, passeggeri e truppe sul Danubio seguendo la corrente fino a Vienna. Al termine del percorso le imbarcazioni vengono fatte a pezzi e riciclate, poiché un ritorno controcorrente al punto di partenza sarebbe stato troppo costoso.
Tuttavia Georg non vede prospettive nelle costruzioni navali tradizionali e indirizza quattro dei suoi sei figli verso altre professioni. Uno di loro è Karl Heinrich, costruttore di carri, che si interessa ed entusiasma per i nuovi mezzi di trasporto. A Ulma fonda la "Wagenfabrik Kässbohrer" l'azienda di famiglia. La storia inizia il suo corso.

OK
Questo sito web utilizza cookies più informazioni